Conferenza della Svizzera italiana per la formazione continua degli adulti CFC
Conferenza della Svizzera italiana per la formazione continua degli adulti - CFC Conferenza della Svizzera italiana per la formazione continua degli adulti - CFC

Rapporto OCSE: formazione degli adulti per far fronte alle mutazioni del mondo del lavoro

13 Febbraio 2019
 

Ogni anno solo due adulti su cinque seguono una formazione. Gli adulti più svantaggiati sono quelli che hanno meno probabilità di formarsi: gli adulti poco qualificati hanno tre volte meno probabilità di partecipare alla formazione rispetto agli adulti altamente qualificati. Vi sono altri gruppi svantaggiati come ad esempio: gli anziani, i lavoratori a basso salario, i lavoratori temporanei e i disoccupati.

Le analisi più recenti dell'OCSE indicano che quasi un posto di lavoro su sette verrà probabilmente completamente automatizzato, con quasi il 30% dei posti di lavoro soggetti a trasformazione. Tuttavia, coloro che svolgono lavori più a rischio sono anche coloro che si formano meno (40%) rispetto a coloro che svolgono lavori a basso rischio (59%). Nell'area OCSE, quasi la metà degli adulti non segue nessuna formazione e non h desiderio di seguirla. Un ulteriore 11% vorrebbe formarsi, ma non lo fa per mancanza di tempo, risorse o sostegno da parte del datore di lavoro.

Per far fronte a questa situazione il rapporto presenta una serie di raccomandazioni che hanno come punto centrale la formazione continua di qualità e mirata a rispondere ai bisogni del mercato del lavoro. Indica inoltre l'importanza dei finanziamenti pubblici per la promozione di percorsi formativi.

> Al rapporto

Conferenza per la formazione continua degli adulti CFC

Conferenza della Svizzera italiana

per la formazione continua degli adulti

Via Besso 86
6900 Lugano-Massagno
tel. +41 (0)91 950 84 16

Pagina contatto

 

FacebookSeguici anche su Facebook